Dott. Luigi Caliendo | Medico Chirurgo

  • 16 Aprile 2021
  • By Luigi

La cinetosi può essere un disturbo davvero invalidante, non solo chi ne soffre ha brutte emozioni prima di dover affrontare un viaggio, ma la sofferenza che tale disturbo provoca è sempre intensa e a volte con strascico post viaggio.

Vediamo come l’Omeopatia Unicista ci aiuta nel risolvere queste problematiche.

Cocculus: il rimedio più conosciuto; si deve pensare a questo rimedio se il paziente ha sensazione di vertigini come da ubriacatura, accompagnate con nausea e vomito. Trae giovamento dallo stare disteso ed a occhi chiusi, anzi l’avere gli occhi aperti peggiorano al sensazione (anche se fissa il soffitto).

Gelsemium: questo rimedio ha una sintomatologia caratteristica, il paziente prima di dover affrontare il viaggio ha uno stato d’ansia incontrollabile perchè il suo pensiero è concentrato sulla sofferenza che proverà viaggiando. Si assocerà tremore agli arti.

Nux vomica: il paziente presenta tutti i sintomi tipici della cintosi (vertigini, spossatezza e nausea) cui si aggiunge la sensazione della guarigione col vomito, tanto che il paziente stesso se lo procurerà pur di stare bene.

Petroleum: questa tipologia di pazienti presenta sintomatologia caratteristica nausea, vomito e diarrea; vertigini e mal di testa tipicamente localizzato in sede nucale; il paziente è prostrato. Cartttestica è la sensazione di fame che segue al vomito e diarrea, se soddisfatta provocherà la comparsa degli stessi sintomi , ma più aggravati.

Tabacum: il paziente che trae beneficio da questo rimedio non tollera il benché minimo movimento soffre di una terribile nausea, anche accompagnata da vomito sarà pallido, suderà profusamente e dichiara di aver freddo qualunque sia la condizione ambientale; il paziente migliora all’aria fresca.

I rimedi elencati in questo breve prontuario saranno assunti alla 9 ch, due granuli un’ora prima del viaggio, ripetuti al momento dell’invio del viaggio e poi ogni 30 – 60  minuti a seconda dell’intensità dei sintomi.

Ovvio che un semplice colloquio col medico omeopata potrà essere indicativo della correttezza del rimedio e ancor di più potrà rivela un rimedio diverso da quelli sopra elencati .

Open chat
Salve,
ha bisogno di aiuto?